Lamatura Parquet Roma

Vai ai contenuti

Menu principale:

OFFERTA LAMATURA PARQUET A 13 EURO IVA COMPRESA

1) LEVIGATURA DELL'INTERA SUPERFICE
2) STUCCATURA TRA UNA DOGA E L'ALTRA
3) EVENTUALE INCOLLAGGIO E RIPRISTINO DI LISTE SCOLLATE
4) VERNICIATURA CON POLIURETANICA A SOLVENTE O ALL'ACQUA

CONTATTACI PER UN SOPRALLUOGO O PREVENTIVO GRATUITO






OPERIAMO IN TUTTA ROMA E PROVINCIA


La lamatura consiste nell'asportazione di poco spessore di legno in modo da eliminare qualsiasi tipo di segno o graffio, facendo tornare il pavimento grezzo e come appena montato. I processi consistono nella lamatura (o levigatura) del pavimento partendo da una grana grande fino ad arrivare ad una grana fine, in tal modo si ottiene un pavimento perfettamente liscio ed in piano. Durante questa fase si stucchera il pavimento in modo da chiudere tutte le fughe ottenute con il normale movimento del legno. Per ultima c'è la fase di finitura che può essere ad olio, a cera, con vernice poliuretanica a solvente o all'acqua.
Le finiture possono essere, lucide semilucide o opache a scelta del cliente.


AZIENDA
Siamo un azienda completamente Italiana che opera sul territorio di Roma e provincia. Le nostre lavorazioni sono spinte dall'enorme passione per il legno e in particolare nelle pavimentazioni artistiche e mosaici di alto livello. Abbiamo a disposizione qualsiasi essenza di legno in modo da poter restaurare qualsiasi tipo di parquet, anche quelli fuori misura più antichi. I materiali usati nella levigatura del parquet a Roma e nella posa del parquet sono ecologiche e di grandi aziende nazionali come:

- TOVER Tecnologie per il Parquet

- LECHNER adesivi e colle Parquet

- BIGLER Rasanti e vernici Parquet

- OSMO Olii e cere per il Parquet

Offriamo sopralluoghi gratuiti e senza impegno, analizzando qualsiasi tipo di sottofondo con specifica attrezzatura (tipo misurazione umidità), in modo da poter dare il miglior consiglio per effettuare un lavoro a regola d'arte.



FASI DELLA LAMATURA E LEVIGATURA E LUCIDATURA

Pulire bene la superfice con scopa o aspirapolvere, togliere il battiscopa.

1° FASE
La prima fase della levigatura consiste nell'asportazione della vernice e di eventuali graffi o segni che sono sul parquet portando una planarità perfetta. Questa si esegue con macchinari a nastro o a rullo, procedendo con una grana di carta vetro da 36 (40) per poi passare ad una più fine come la 60 e l'80. La macchina deve essere passata secondo la vena del legno.
Passaggio della macchina perimetrale con grana 36/60/80.

2° FASE
Stuccatura dell'intera superfice con stucco professionale e polvere di legno andando a chiudere le fughe tra una lista e l'altra.

3° FASE
La terza fase ancora di levigatura per portare la planarità e togliere lo stucco in eccesso. Si procede con una monospazzola con grana 60/80/100 o 120/150. La macchina deve essere passata con cautela e ad incrocio.
Terminare la levigatura con retina da 220 o 320 (noi che siamo perfezionisti preferiamo anche passare il disco in scotch brite viola) in modo da ottenere una superfice liscia e senza ondulazioni.

4° FASE
Come ultimo processo c'è la finitura che può essere con vernici, ad olio o a cera.
La finitura con vernici sia che siano a solvente o all'acqua andranno applicate dopo una mano di fondo turapori specifico e passata con rullo (rulli diversi a seconda del tipo di vernice).
Le mani di vernice da applicare sono da 2 a 3, non di più. Non fatevi abbindolare da chi vi dice che passa 4 o 5 mani perchè creerebbe soltanto uno strato enorme di prodotto che risalterebbe ancor di più i difetti (se ci fossero) del vostro parquet. Tra una mano e l'altra di fondo e vernice carteggia con monospazzola con carta finissima tipo 320 oppure scotch brite.
Le rullate devono essere passate senza applicare forza e per un maggior tratto possibile. Cosa importante è di verniciare ad incrocio come se fosse una rete, onde evitare sormonti delle rullate.
Attenzione alla vernice ad acqua che crea più macchie sulle prime mani se lasciate passare troppo tempo da una rullata e l'altra, quindi applicate la vernice metro per metro e contigui. Non iniziare da una parte per poi tornare sull'attaccature alla fine della stanza.

DIFFERENZA TRA VERNICE A SOLVENTE E ALL'ACQUA

Iniziamo col dire che tutte e due le vernici sia a solvente che all'acqua sono resistentissime. Quindi quando sentite dire che la vernice ad acqua è più debole non stateli a sentire, forse qualche anno fà, quando ancora le vernici ad acqua non erano diffuse probabilmente il grado di durevolezza era basso, ma oggi come oggi sono praticamente uguali dal punto di vista di durezza e durevolezza.

Detto questo, entriamo nello specifico col dire che i due tipi di vernici sono entrambe poliuretaniche soltanto che una è a base di solvente (quindi l'asciugatura avviene con l'evaporazione appunto del solvente) e l'altra è a base d'acqua ( l'asciugatura avviene con l'aria). Per tutti e due i tipi di vernice esistono MONOCOMPONENTI e BICOMPONENTI, sicuramente le seconde sono migliori dal mio punto di vista perchè più dure e con finitura maggiore, anche se la miscelazione deve essere accurata. In genere la miscelazione dei due componenti è 1:1 per quella a solvente e 10:1 per quelle all'acqua.

Per tutte e due i tipi esistono 3 diverse tipologie di finitura: OPACA, SEMILUCIDA e LUCIDA, anche se quella all'acqua non verrà mai lucida come quella a solvente. Le vernici ad acqua daranno un risultato più naturale alla finitura del parquet facendo risaltare di più le venature del legno, mentre quella a solvente darà un effetto più plastificato.

Un'altra differenza sostanziale tra le due vernici è il fatto che quella all'acqua tonalizza di meno di quella a solvente, ovvero una volta rilamato o lamato il parquet, la prima avrà una colorazione più chiara del legno, a meno che non si effettua un ciclo di verniciatura detto MISTO (ne parlerò al prossimo articolo).

Noi personalmente privilegiamo la verniciatura ad acqua per 4 importanti motivi:

1) Non emana cattivi odori come quella a solvente, infatti ha un odore simile alla cera e quasi inesistente.

2) E' ecologica ed ha bassissimo VOC (vapori volatili)

3) Rende la finitura del pavimento pù naturale

4) Tempi di asciugatura minori

Per ultimo vorrei parlarvi anche dei costi, ovvero le vernici ad acqua sono più costose di quelle a solvente, circa un 30% in più ma la resa per litro è maggiore. NON COMPRATE per il vostro legno vernici scadenti o di grandi magazzini, utilizzate solo prodotti professionale o affidatevi direttamente ad un professionista serio, considerando che i prezzi delle lamature sono scesi parecchio, quindi non necessitano patrimoni esagerati.

Torna ai contenuti | Torna al menu